Pubblichiamo

il sermone di Lidia Maggi

e l'intervento di Donatella Saroglia

ai funerali di Clara

e i messaggi che ci sono arrivati.

 

 

Clara è stata tumulata al Cimitero Maggiore (Musocco)

Nella vigilia di Shavuot, Festa ebraica della Mietitura, Clara Achille Cesarini, la nostra Clara, ha offerto a Dio il suo abbondante raccolto.
In questo mese di malattia noi del Gruppo SAE di Milano abbiamo pregato e sperato con tutte/i voi in una sua ripresa, ora possiamo solo stringerci con affetto al marito Francesco e al figlio Andrea, anche loro vivaci animatori del Gruppo e spesso presenti alle Sessioni estive. Agli altri due figli, Lucia e Giovanni, e ai numerosi nipoti vanno il nostro pensiero e la nostra preghiera.
Ci sono momenti in cui le parole non servono ma non possiamo tacere la nostra gratitudine al Signore per averci donato Clara, con la sua intelligente e generosa determinazione. Ci ha lasciato una meravigliosa e importante eredità: un amore viscerale per l'Ebraismo e una passione sconfinata per il Dialogo ecumenico, che ha declinato sia attraverso lo studio e la preghiera, sia con l'impegno pratico senza risparmiare le proprie energie. È stata vivace e attiva animatrice di moltissime iniziative ecumeniche milanesi e perciò è molto conosciuta anche al di fuori del SAE.
Per il SAE, invece, che considerava come un pezzo di famiglia, Clara è stata una presenza determinante, non solo come responsabile del Gruppo di Milano per numerosi anni, ma anche per il suo instancabile impegno a livello nazionale, con la cura scrupolosa e professionale degli Atti delle Sessioni; il ruolo di segretaria del Gruppo teologico, essendo lei stessa teologa; il prezioso contributo che in questi ultimi anni ha dato al Sito, con un occhio al passato, rendendo disponibili interventi delle scorse Sessioni, e uno al presente, segnalando le notizie che traduceva in tempo reale dal Sito del Consiglio Ecumenico delle Chiese: sempre rivolta al futuro.
Molte altre cose si potrebbero aggiungere: ognuna/o di noi ha di lei ricordi che custodisce con affetto e gratitudine; in questo momento desideriamo soltanto ricordarla sorridente e disponibile, donna di Fede e di Azione, la porta della sua casa sempre aperta...

Ill funerale si terrà sabato 3 giugno alle 11 nella basilica di Sant’Eustorgio (piazza Sant’Eustorgio, 1: zona XXIV maggio, raggiungibile con tram 3, 9, 20, 29, 30; bus 59).